Preloader
 

Disturbi trattati

Stress

Lo stress è il frutto di pressioni ambientali e interne all’individuo che sono in grado di produrre in esso una reazione fisiologica e psicologica che può avere esiti patologici.

Le pressioni ambientali di cui parliamo sono condizioni di tensione limitate nel tempo (per esempio un disaccordo con un’altra persona, la paura di fare tardi al lavoro, la preoccupazione per un esame) oppure condizioni di attivazione continuative (per esempio la  vita frenetica che facciamo, i tempi serrati, la vita vissuta in multitasking, ecc..).

Le pressioni interne sono legate alla dimensione mentale e riguardano le nostre preoccupazioni, le nostre paure, i rimuginii che ci occupano la mente quando ci è capitato qualcosa che ci ha ferito o ci ha fatto arrabbiare, oppure riguarda ciò che ci prospettiamo e temiamo nel futuro.

Tutte queste “pressioni” producono una reazione nell’organismo di carattere fisiologico. In altre parole, il corpo reagisce a tutte le situazioni elencate sopra sempre nello stesso modo, cioè attivando delle risposte fisiologiche di attacco-fuga o di freezing che sono mediate da ormoni.

Tra questi ormoni quelli maggiormente coinvolti sono l’adrenalina e il cortisolo. Questi ormoni sono molto utili ad affrontare situazioni di pericolo o di difficoltà, limitate nel tempo. Se per esempio ci troviamo di fronte a una grave minaccia per la nostra incolumità, la reazione di stress ci mette nelle condizioni migliori per fuggire, combattere o immobilizzarci, cioè di produrre le tre risposte selezionate dall’evoluzione naturale, in grado di  aumentare la nostra possibilità di sopravvivenza.

Purtroppo però,  se la pressione ambientale, o interna, tende a non cessare (se per esempio la reazione di stress è legata all’ambiente di lavoro che frequento tutti i giorni, sarà difficile che la reazione di stress cessi finchè non cambio lavoro…)  lo stress tenderà a diventare cronico. Questo significa che avremo tassi di adrenalina e cortisolo sempre eccessivi nel corpo.

Questi ormoni se presenti nel nostro corpo in quantità elevata possono avere effetto tossico per la salute e quindi  ci sarà un elevato rischio ci incorrere nel tempo in tutta una serie di malattie organiche (per esempio malattie cardiache , gastroenteriche, tumori, ecc…) oppure disturbi della psiche o del comportamento (ansia, depressione, disturbi del sonno, impulsività, ecc…).

Per questi motivi da diversi anni le varie organizzazioni che si occupano di salute, a cominciare dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, indicano la necessità di intervenire sui meccanismi che producono lo stress. Sappiamo infatti che vivere in condizioni di stress aumenta enormemente il rischio di incorrere in problemi anche molto seri, per la salute.